La distro migliore per il web hosting

Postate qui per tutte le discussioni legate a Linux in generale.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Citare sempre la versione di Slackware usata, la versione del Kernel e magari anche la versione della libreria coinvolta. Questi dati aiutano le persone che possono rispondere.
2) Per evitare confusione prego inserire in questo forum solo topic che riguardano appunto Gnu/Linux in genere, se l'argomento è specifico alla Slackware usate uno dei forum Slackware o Slackware64.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Avatar utente
navajo
Staff
Staff
Messaggi: 3884
Iscritto il: gio gen 08, 2004 0:00
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)
Località: Roma

Messaggioda navajo » gio dic 27, 2007 18:51

nuitari ha scritto:si intendo slapt-get e simili. Ovviamente nemmeno io li uso (o comunque li uso con cautela) ma quel che intendo è che tra lanciare un apt-get ed uno slapt-get, non c'è un estrema differenza, per quel genere di utenti (che imho non dovrebbero nemmeno pretendere di amministrare server di qualsivoglia tipo).

e su quale basi dici questo ?
conosco almeno UN sistemista che potrebbe insegnarci tutto e di più su come si gestisce un server, sopratutto a livello enterprise, che può dirti la differenza fra slapt-get e apt-get di debian.
Prova a gestire un azienda con tre o quattro server seri, con slackware, e poi ne riparliamo. Prima di parlare, bisogna informarsi.

Mario Vanoni
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3174
Iscritto il: lun set 03, 2007 21:20
Nome Cognome: Mario Vanoni
Slackware: 12.2
Kernel: 3.0.4 statico
Desktop: fluxbox/seamonkey
Località: Cuasso al Monte (VA)

Messaggioda Mario Vanoni » gio dic 27, 2007 19:09

nuitari ha scritto:Certo anch'io mi installo le cose da solo con tutti i parametri del caso, ci mancherebbe,


Io parto spesso ultimamente o quasi sempre dalle sorgenti:
- voglio gli esecutabili dove decido io, in barba alla FHS ecc.
- infatti ho un /lbin tutto mio (reminiscenza da AT&T UNIX SVR2)
- ovviamente con PATH aggiornato, /lbin subito dopo /sbin e /bin
- li compilo, se possibile con "-O2 -s -static", piu` veloci e piu` sicuri
- tolgo nls ed altre cose inutili, preferisco error messages in inglese
- quando rifaccio una macchina, copio /lbin e ho tutte le mie tools subito

Mario Vanoni

kobaiachi
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1368
Iscritto il: gio lug 14, 2005 0:00
Località: roma
Contatta:

Messaggioda kobaiachi » gio dic 27, 2007 19:15

puoi provare CENT OS .

Avatar utente
nuitari
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 777
Iscritto il: dom ott 14, 2007 12:51
Slackware: 12.0
Località: San Colombano al Lambro
Contatta:

Messaggioda nuitari » gio dic 27, 2007 19:47

navajo ha scritto:
nuitari ha scritto:si intendo slapt-get e simili. Ovviamente nemmeno io li uso (o comunque li uso con cautela) ma quel che intendo è che tra lanciare un apt-get ed uno slapt-get, non c'è un estrema differenza, per quel genere di utenti (che imho non dovrebbero nemmeno pretendere di amministrare server di qualsivoglia tipo).

e su quale basi dici questo ?
conosco almeno UN sistemista che potrebbe insegnarci tutto e di più su come si gestisce un server, sopratutto a livello enterprise, che può dirti la differenza fra slapt-get e apt-get di debian.
Prova a gestire un azienda con tre o quattro server seri, con slackware, e poi ne riparliamo. Prima di parlare, bisogna informarsi.


Leggere, prima di parlare.
Si stava parlando di utenti pacco che pretendono di mettere in piedi webserver partendo dal nulla, e che rifiutano slackware "perchè non è comoda".

Ho detto che tra il modo *ignorante* (leggere, ancora una volta) di usare apt-get proprio di molti utenti (per inciso, apt-get è deprecato su debian, lo ripeto) e sedicenti sistemisti ed uno slapt-get non esiste differenza. Ho detto forse che apt-get e slapt-get sono uguali????? NON mi pare proprio, non mettermi in bocca parole che non ho detto.

Il punto è che comodo è un concetto relativo, inoltre Slackware si presta a molti metodi d'utilizzo, non esistono solo pkgtool e la compilazione a mano, c'è anche altro (per quanto personalmente non mi piaccia usarli), e che tutti gli apt-get del mondo non sostituiscono un sistemista capace e non permettono ad un.. diciamo *principiante* di gestire un server (web o meno che sia).

A parte questo, io gestisco numerosi server, sia web che non. I server della mia azienda, dislocata tra l'altro geograficamente, sono tutti felicemente Slackware da anni. Lo faccio per lavoro il sysadmin. Ho fatto e faccio anche assistenza a 360° su linux e non, e non è mai, e dico mai, successo che io abbia rimpianto di avere installato Slackware o che non mi sia trovato comodo o che abbia sentito la mancanza di un qualche tool precompilato e pacchettizzato. (<-- punto)

E' successo invece spesso il contrario. Mi è successo di aiutare sistemisti debian e non solo, mi è successo di rimpiangere di non avere Slackware installata e via dicendo.
Per quale motivo?? La mia firma spiega il perchè.

EDIT: basta guardare il livello medio degli utenti di questo forum per capire cosa significa usare Slackware.

Avatar utente
navajo
Staff
Staff
Messaggi: 3884
Iscritto il: gio gen 08, 2004 0:00
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)
Località: Roma

Messaggioda navajo » gio dic 27, 2007 22:02

slackware è ottima, ma continuo a pensare che per la gestione di più server debian rimanga la migliore. sia per facilità di installazione, sia poi per gestione di questi ultimi. Senza contare la velocità degli aggiornamenti di sicurezza. Non mi scordo, quando, non per colpa diretta di Pat, sono passati mesi prima di avere pacchetti aggiornati.

Avatar utente
diego
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 333
Iscritto il: ven apr 01, 2005 0:00

Messaggioda diego » gio dic 27, 2007 23:20

Su questo argomento mi sento di essere daccordo con navajo.
Da oltre una decina d'anni sono sysadmin per lavoro: uso Debian in produzione e Slackware per tutto il resto, a casa, per studio, server di test ecc.
Per quanto riguarda Debian ho sempre usato apt-get sul repository ufficiale Debian e solo repository ufficiale Debian, fino a qualche anno fa c'erano a disposizione circa 15.000 pacchetti, oggi siamo a oltre 18.000, i security-fix disponibili in brevissimo tempo (alle volte in meno di 24 ore) danno una certa tranquillita' al prezzo di un apt-get update / apt-get upgrade ... (la sicurezza e' un'altra cosa lo riconosco).
Ultimamente su 3 server in produzione sono passato dalla 3.0 alla 4.0 con un semplice apt-get dist-upgrade senza il bisogno di formattare ... i server stanno ancora funzionando.
L'unica accusa che sento rivolgere a debian e' che i pacchetti non sono aggiornati (anche se privi di bug conosciuti), ma quando chiedo con la versione piu' aggiornata cosa ci farebbero in piu' nessuno mi risponde.
Su questo la penso come jean Todd quando arrivo in Ferrari: prima si fa una macchian in grado di finire i gran premi, poi si pensa alle prestazioni; da quello che ho potuto constatare la Debian e' sempre stata una distro molto affidabile e sicura.
Per quanto riguarda l'obiezione mossa in questo 3D sui problemi derivati dall' apt-get, dico che puo' succedere solo se si usano contemporaneamente piu' repository non ufficiali, ma se si usa solo quello ufficiale debian si puo' stare tranquilli, 18.000 .deb non sono pochi, soprattutto se in ambito server.
Sul fatto di scartare software perche' non presente nel repository ufficiale, l'ho fatto anch'io, non perche' sia un deb-integralista, ma perche' (secondo me) amministrare debian vuol dire comportarsi in un certo modo e sottostare ad alcune regole, ma poi si viene ripagati solo con soddisfazioni.
Per la Slackware il discorso e' diverso, perche la Slackware e' diversa, ci puoi fare tutto quello che vuoi e come lo vuoi, non ce la possiamo prendere perche' un bug-fix esce dopo mesi, semplicemente si prende il sorgente e la patch dalla homepage del progetto, slackbuild e via con un upgradepkg, falla chiusa.
Anche se in Slack ci sono software come swaret e slapt-get, non sono paragonabili ad apt-get, perche' i .tgz sono diversi dai .deb, perche' anche i rispettivi repository sono costruiti e manutenuti in maniera diversa.
Con la Slackware puoi ottenere anche di piu' di quello che otterresti con la Debian, parlo di affidabilita'/sicurezza/prestazioni, ma devi sudare parecchio: al lavoro uso Debian perche' il tempo e' quello che e', ma quando il tempo me lo gestisco io, il sapore delle soddisfazioni che arrivano dopo qualche ora passato sulla Slackware e' molto piu' piacevole :-)
Ciao
Diego

Avatar utente
urka58
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 542
Iscritto il: mer dic 07, 2005 23:29

Messaggioda urka58 » gio dic 27, 2007 23:52

Io sentirei senz'altro anche il parere di Salvatore a**n**l**...
Licenza delle nuove release di Apache a parte, OpenBSD potrebbe essere una scelta adatta. (forse la migliore)
Ciao

Avatar utente
nuitari
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 777
Iscritto il: dom ott 14, 2007 12:51
Slackware: 12.0
Località: San Colombano al Lambro
Contatta:

Messaggioda nuitari » ven dic 28, 2007 0:02

Per la Slackware il discorso e' diverso, perche la Slackware e' diversa, ci puoi fare tutto quello che vuoi e come lo vuoi, non ce la possiamo prendere perche' un bug-fix esce dopo mesi, semplicemente si prende il sorgente e la patch dalla homepage del progetto, slackbuild e via con un upgradepkg, falla chiusa.


Esattamente. Non vedo perchè dover dipendere da un repository, quando a conti fatti con Slack si ha un sistema in cui la compilazione ad hoc è una banalità.

Anche se in Slack ci sono software come swaret e slapt-get, non sono paragonabili ad apt-get, perche' i .tgz sono diversi dai .deb, perche' anche i rispettivi repository sono costruiti e manutenuti in maniera diversa.


E mai ho sostenuto il contrario ^^ Parlavo dell'utilizzo, e per esser più specifici dell'utilizzo medio.

Per quel che mi riguarda, non ho mai avuto problemi di tempo/difficoltà con slackware, anzi.. mi son fatto i miei script, distribuisco io gli aggiornamenti in modo centralizzato, etc etc. E so sempre cosa succede, dove come e perchè.

Con questo non voglio dire che non si possano ottenere risultati altrettanto buoni con altre distro, dio me ne scampi e liberi. Perchè? Perchè dipende tutto dal sysadmin! Se il sysadmin è in gamba, può tirare fuori il meglio anche da Windows... okkey, forse da windows no .

Quello che voglio dire è che, per l'utilizzo ignorante che l'utente medio debian (così come per le altre distro, sia chiaro) fa di apt, la differenza non è poi molta, tutto qui. Debian viene in aiuto con una configurazione iniziale migliore, certo, ma il punto è che se non sai cosa stai facendo e come probabilmente il problema è che non dovresti farlo del tutto, se non a casa tua per provare ed imparare. Perchè lo ripeto, la differenza la fa l'essere umano.

Esempio tipico è ubuntu... tutto bello, tutto funzionante... finchè non smette di funzionare. E dopo dove postano gli utenti ubuntu? Su questo forum. Ci sarà un perchè?

Avatar utente
diego
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 333
Iscritto il: ven apr 01, 2005 0:00

Messaggioda diego » ven dic 28, 2007 19:01

@nuitari
concordo con te: e' il sysadmin che fa la differenza: dalla scelta della distro, alla configurazione e manutenzione. Debian e Slackware sono entrambe ottime distro ... <OT>forse perche' non sono commerciali e non sono costrette ad una release nuova ogni 6 mesi?</OT> ... con Debian hai un po' di pappa gia pronta, con Slackware il software che non trovo gia pronto, lo pacchettizzo e lo rendo disponibile qui su Slacky.
Non so te, ma per me fare uno SlackBuild cercando di rispettare certi canoni di qualita e testarlo, e usarlo produttivamente richiede disverso tempo, tempo ben lieto di spendere ma sul posto di lavoro non sempre me lo posso permettere ... volevo solo dir questo.
Per quando riguarda altre distro come Ubuntu, Mandriva ... bellissime da vedere con gia tutto pronto e funzionante (?) semplicemente dico che non le conosco ... se poi mi sento dire "ma e' sempre linux" oppure come nel caso specifico "Ubuntu e' Debian" ci sta anche che mi alteri leggermente ;) ... dimmi che distro scegli e ti diro' che sysadmin sei :D

@urka58
Io sentirei senz'altro anche il parere di Salvatore a**n**l**...

:geniale:

Avatar utente
nuitari
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 777
Iscritto il: dom ott 14, 2007 12:51
Slackware: 12.0
Località: San Colombano al Lambro
Contatta:

Messaggioda nuitari » ven dic 28, 2007 19:51

Son contento che siamo d'accordo, nessun utility sostituirà mai l'esperienza e l'essere umano =) La mia risposta a "quanta fatica faccio" la risposta è: boh? ^^

non posso fare una comparazione effettiva, perchè per quanto conosca qualcosina di debian, ci abbia messo mano ed abbia aiutato degli amici sysadmin, non posso certo dire di essere un esperto per cui non mi posso rendere effettivamente conto se amministrare un server debian *day by day* mi richiederebbe più tempo..

Quello che so è che amministrare i miei server Slack mi richiede il giusto, che i clienti sono soddisfatti e che non gli metto mai fuori fatture improponibili a causa di un cumulo di ore in eccesso (da cui parte della contentezza).

SICURAMENTE mi richiede più *fatica* mentale, perchè ad esempio postfix/courier/clamav/spamassassin/Etc etc etc me li devo *mantenere* io, ma in tutt'onestà non è che mi richieda tutta questa fatica immane... si tratta solo di essere aggiornati sui vari siti, iscriversi alle newsletter giuste, organizzarsi bene all'inizio e cose così...

Un altra cosa che SICURAMENTE mi ha richiesto più tempo è stata la configurzione iniziale. Scommetto che su Debian è + semplice.

Ma quel che mi chiedo io è: quando c'è un problema? Io so esattamente in che file di quale pacchetto mettere mano, cosa aggiornare, cosa ricompilare, cosa riconfigurare.. perchè il sistema l'ho costruito io pezzo su pezzo, configurazione inclusa. Su sistemi pacchettizzati come Debian, per quanto uno possa essere bravo non arriva ad avere la conoscenza del software come quella che si ottiene su Slackware (perchè forzati, mica per altro). Per cui, quando c'è un problema (che poi è il 50% del lavoro di un sysadmin) o una configurazione da cambiare, chi perde più tempo? Il sistemista Slackware che sa alla perfezione come e dove è tutto, o l'altro sistemista che forse, e dico forse, deve andare a cercare/studiare etc? Per lo meno un po' di + che su Slackware, almeno questo concedimelo =)

Che poi son sicuro tu sarai un drago eh, ovviamente il discorso è sui generis, non parlo dei presenti.

Avatar utente
navajo
Staff
Staff
Messaggi: 3884
Iscritto il: gio gen 08, 2004 0:00
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)
Località: Roma

Messaggioda navajo » ven dic 28, 2007 20:55

nuitari ha scritto:Son contento che siamo d'accordo, nessun utility sostituirà mai l'esperienza e l'essere umano =) La mia risposta a "quanta fatica faccio" la risposta è: boh? ^^

non posso fare una comparazione effettiva, perchè per quanto conosca qualcosina di debian, ci abbia messo mano ed abbia aiutato degli amici sysadmin, non posso certo dire di essere un esperto per cui non mi posso rendere effettivamente conto se amministrare un server debian *day by day* mi richiederebbe più tempo..

Quello che so è che amministrare i miei server Slack mi richiede il giusto, che i clienti sono soddisfatti e che non gli metto mai fuori fatture improponibili a causa di un cumulo di ore in eccesso (da cui parte della contentezza).

SICURAMENTE mi richiede più *fatica* mentale, perchè ad esempio postfix/courier/clamav/spamassassin/Etc etc etc me li devo *mantenere* io, ma in tutt'onestà non è che mi richieda tutta questa fatica immane... si tratta solo di essere aggiornati sui vari siti, iscriversi alle newsletter giuste, organizzarsi bene all'inizio e cose così...

Un altra cosa che SICURAMENTE mi ha richiesto più tempo è stata la configurzione iniziale. Scommetto che su Debian è + semplice.

Ma quel che mi chiedo io è: quando c'è un problema? Io so esattamente in che file di quale pacchetto mettere mano, cosa aggiornare, cosa ricompilare, cosa riconfigurare.. perchè il sistema l'ho costruito io pezzo su pezzo, configurazione inclusa. Su sistemi pacchettizzati come Debian, per quanto uno possa essere bravo non arriva ad avere la conoscenza del software come quella che si ottiene su Slackware (perchè forzati, mica per altro). Per cui, quando c'è un problema (che poi è il 50% del lavoro di un sysadmin) o una configurazione da cambiare, chi perde più tempo? Il sistemista Slackware che sa alla perfezione come e dove è tutto, o l'altro sistemista che forse, e dico forse, deve andare a cercare/studiare etc? Per lo meno un po' di + che su Slackware, almeno questo concedimelo =)

Che poi son sicuro tu sarai un drago eh, ovviamente il discorso è sui generis, non parlo dei presenti.

scusa ma non ti seguo più...
stiamo parlando delle distro oppure dei sysadmin che non sono all' altezza ?
debian offre molti tools per configurare e riconfigurare pacchetti e servizi.
dpkg-reconfigure ti permette di riconfigurare tutto in pochissimo tempo.
si può amare slackware alla massima potenza, (per me è il massimo su un singolo pc - server), ma ti assicuro, che più di una persona mi ha poi dimostrato con i fatti che con debian, si guadagna molto tempo.
Uno di questi, è masalapianta, con il quale ho avuto anche discussioni accese, ma poi, mi sono dovuto arrendere davanti all' evidenza.

Avatar utente
nuitari
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 777
Iscritto il: dom ott 14, 2007 12:51
Slackware: 12.0
Località: San Colombano al Lambro
Contatta:

Messaggioda nuitari » ven dic 28, 2007 21:06

Boh mi son perso anch'io ^^ quel che intendevo, in parole povere, è che per un utilizzo *ignorante* slack va bene come tante altre. non la trovo più difficile da configurare di altre per un compito come il webhosting, semmai diversa, e credo che per la sua natura porti il sysadmin a conoscere meglio il sistema e quindi a recuperare tempo in fase di mantenimento, laddove si può perdere in installazione e configurazione.
Inoltre non credo che l'utente tipo usi anche solo un 5% di quel che apt o simili possano fare, per cui tanto vale slack e slapt... questo intendevo.

Avatar utente
conraid
Staff
Staff
Messaggi: 13267
Iscritto il: gio lug 14, 2005 0:00
Nome Cognome: Corrado Franco
Slackware: current64
Località: Livorno
Contatta:

Messaggioda conraid » ven dic 28, 2007 21:10

Ma mentre noi ci perdiamo mordecai aspetta ancora un consiglio.
Ha chiesto "distro", quindi da escludere BSD e Windows (che peccato :D ). Via, installa linuxfromscratch e non parliamone più :-)

Avatar utente
Luci0
Staff
Staff
Messaggi: 3591
Iscritto il: lun giu 27, 2005 0:00
Nome Cognome: Gabriele Santanché
Slackware: 12.2 14.0
Kernel: 2.6.27.46- gen 3.2.29
Desktop: KDE 3.5.10 Xfce
Località: Forte dei Marmi
Contatta:

Messaggioda Luci0 » ven dic 28, 2007 22:02

( Questa volta faccio la persona seria )

Credo che si potrebbe affrontare il problema da diversi punti di vista ...
dipende tanto anche da quanto si conosce la distribuzione e anche da cosa ci si deve fare ...
... non credo che mordecai debba installare un server di livello enterprise ... e allora se Slackware é la distro che conosce meglio perché non provare ...

Slackware ha comunque un buon supporto per le security fix, e se non si debbono installare pacchetti extra distribuzione può essere una buona soluzione ... per i pacchetti importanti es. bind escono tuttora le patch per la 8.1 ...

Codice: Seleziona tutto

[slackware-security]  bind (SSA:2007-026-01)

New bind packages are available for Slackware 8.1, 9.0, 9.1, 10.0, 10.1,
10.2, and 11.0 to fix denial of service security issues.

Versions of bind-9.2.x older than bind-9.2.8, and versions of bind-9.3.x
older than 9.3.4 can be made to crash with malformed local or remote data.


certo altre distro come Cent OS , Ubuntu server 6.10 e Debian (Stable) hanno un supporto migliore ed in genere il passaggio da una release e l' altra può essere quasi indolore ... ma poi bisogna anche conoscerle bene :-)

Avatar utente
Litie
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 291
Iscritto il: sab nov 26, 2005 11:30
Località: Pavia
Contatta:

Messaggioda Litie » ven dic 28, 2007 22:45

Utilizzo Red Hat per lavoro ed anche per uso personale; la considero una grande distribuzione con un supporto ottimo e servizi eccellenti, basti pensare alla Cluster Suite e GFS, le virtlib,...

A casa, nel mio piccolo laboratorio, trovano spazio molti altri Unix a partire da Ubuntu, Debian, FreeBSD ,Solaris su Sparc ed ovviamente la Slackware.

Mi limito a constatare una semplicissima cosa.

Anche con Red Hat ben più di una volta ho rimpianto "apt-get install" ed i 18000 pkg di debian.

Slack ? l'ho usato molto e la utilizzo tuttora. Ci studio sopra.

Nonostante ciò considero Red Hat il miglior Linux in circolazione.
Ovviamente lato server, per il Desktop sta venendo su bene Fedora.