Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

di crisi e spesa a deficit

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 0:49

nel frattempo i tedeschi fanno la spesa da noi, acquistando letteralmente l'Italia:
http://opendatablog.ilsole24ore.com/201 ... l-mercato/
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 1:10

http://www.telegraph.co.uk/finance/comm ... loser.html

tutto scontato, ma riporto gli ultimi paragrafi a beneficio del piddino medio:

Codice: Seleziona tutto
A game theory study by Bank of America found that Italy would benefit most among big EMU states from a euro exit. It has a primary surplus, so it would not face an instant funding crisis. It has fat gold reserves, providing bond collateral that could be used to raise €400bn in a crisis. Italian household wealth is €275,200, compared with €195,200 for Germany.

A basket case it is not, and Italy’s industrial barons know it. The country has one great structural problem: it is in the wrong currency with an intra-EMU exchange rate overvalued by 20pc to 25pc.

in sostanza uno studio della banca d'america sulla situazione europea dal punto di vista della teoria dei giochi, ha mostrato che il paese che avrebbe maggiori benefici da un'uscita dall'euro è l'Italia, visto che ha un avanzo primario, grosse riserve d'oro e la ricchezza media delle famiglia italiane è 275,200 euri contro 195,200 euri per la famiglia media tedesca.
Inoltre si afferma che il paese ha un grosso problema strutturale: è nella valuta sbagliata con un tasso di cambio sopravvalutato del 20%/25%, quindi dovremmo ripigliarci la lira e svalutare (ma guarda un po, sembra qualcosa di gia letto in questo thread)
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 1:21

http://www.giornalettismo.com/archives/ ... lino-nemo/

Codice: Seleziona tutto
Così come il pesciolino Nemo – recita il Premier con fare serio, come un padre che racconta ai suoi figli una storiella per insegnare un’importante morale – spiega ai suoi simili che bisogna lavorare insieme per rompere la rete che imprigiona anche suo padre, così tanto a lungo cercato, noi dobbiamo capire che dobbiamo andare nella stessa direzione per ottenere ciò che desideriamo. Proprio come il pesciolino Nemo.

peccato che in quella direzione (in cui tu, i tuoi amichetti di "sinistra" e quelli di "destra", ci state spingendo a forza) ci sia un fottuto baratro; ma la storia vi ricorderà (insieme alla melma che vi ha votato) come i traditori (articolo 246 del codice penale) che siete.
Ultima modifica di masalapianta il lun giu 17, 2013 10:56, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 1:37

non avrei mai pensato di dire una cosa del genere, ma sono d'accordo con quell'americano di Luttwak:

http://www.ilgiornale.it/news/interni/l ... 26365.html

la fed addirittura si è offerta di acquistare i nostri titoli per finanziarci (dico questo per far capire che attualmente l'interesse degli usa è non far crollare la nostra economia; quindi se consigliano di uscire dall'euro, è per preservare la nostra economia e le parole di Luttwak vanno lette in tal senso)
Ultima modifica di masalapianta il lun giu 17, 2013 10:43, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 1:45

ormai non si contano più i nobel per l'economia che pisciano sull'euro:

https://pbs.twimg.com/media/BMi5NoICUAAAkd8.png:large
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 1:58

Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda Trotto@81 » lun giu 17, 2013 14:11

Ci sono pure Nobel che parlano a favore dell'euro, ma a te piace sentire quelli che parlano contro.
I problemi strutturali del nostro Paese sono indipendenti dalla valuta. Sono problemi che ci portiamo dietro fin dalla nascita della Repubblica.
Avatar utente
Trotto@81
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2978
Iscritto il: ven giu 25, 2004 23:00
Località: Monasterace M. (RC)
Nome Cognome: Andrea
Slackware: Slackware64 14.1
Kernel: default
Desktop: KDE 4.10.5

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda puzuma » lun giu 17, 2013 15:04

caro masalapianta,

credo che molti qui siano daccordo che privatizzazioni e pressione fiscale esagerata non sono un metodo furbo per uscire dalla crisi. Però se continui a postare link a raffica senza un minimo di contesto e, perdonami la franchezza, in stile un po' da troll, passa la voglia di leggere cosa scrivi.

Inoltre voglio spezzare una lancia a favore di quelli che dicono che l'economia non è una scienza. A mio modo di vedere questo significa semplicemente che le previsioni che si fanno con essa sono da prendere con molta cautela. Per esempio il fatto che una certa serie di manovre abbiano funzionato in Argentina (che comunque non è diventata il bengodi) dice poco sul fatto che le stesse misure funzioneranno in un paese con economia, storia e risorse completamente diverse. Magari anche sì ma non è così dimostrabile come vorresti far credere.
The quiet ones are the ones who change the world. The loud ones only take the credit.
Avatar utente
puzuma
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 479
Iscritto il: mar lug 04, 2006 16:14
Località: Udine
Nome Cognome: Stefano Salvador
Slackware: current
Kernel: 2.6.32.2
Desktop: KDE 4.4.0

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 17:34

Trotto@81 ha scritto:Ci sono pure Nobel che parlano a favore dell'euro, ma a te piace sentire quelli che parlano contro.

mi citi dei nobel per l'economia che oggi parlano a favore dell'euro (con i dovuti riferimenti su dove e quando l'avrebbero fatto)?
I problemi strutturali del nostro Paese sono indipendenti dalla valuta.

cioè? mostrami i dati
Sono problemi che ci portiamo dietro fin dalla nascita della Repubblica.

ripeto, argomenta portando fatti e dati, con le chiacchiere non ci si fa neanche la birra
Ultima modifica di masalapianta il lun giu 17, 2013 20:27, modificato 3 volte in totale.
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda Trotto@81 » lun giu 17, 2013 17:46

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06 ... tz/624169/
Non dice propriamente di essere a favore dell'euro, ma che basterebbe solo che i tedeschi si levassero dalle scatole per veder migliorare la situazione.
Ti avviso che non l'ho letto con attenzione e non l'ho cercato nemmeno per te, l'ho scovato oggi durante il mio classico giro sui siti di informazione.
Avatar utente
Trotto@81
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2978
Iscritto il: ven giu 25, 2004 23:00
Località: Monasterace M. (RC)
Nome Cognome: Andrea
Slackware: Slackware64 14.1
Kernel: default
Desktop: KDE 4.10.5

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 18:04

puzuma ha scritto:caro masalapianta,

credo che molti qui siano daccordo che privatizzazioni e pressione fiscale esagerata non sono un metodo furbo per uscire dalla crisi. Però se continui a postare link a raffica senza un minimo di contesto

che significa "senza un contesto"? il contesto è quello di cui si parla ormai da 12 pagine in questo thread; cosa non avresti chiaro dei link postati (ammesso che tu li abbia letti)? se mi fai delle domande o delle obiezioni circostanziate posso risponderti, viceversa se mi rispondi per frasi fatte cosa vuoi che ti risponda?
e, perdonami la franchezza, in stile un po' da troll,

ti stai confondendo; i troll sono ben altri:
http://crisis.blogosfere.it/2013/02/eur ... troll.html
http://www.pdroma.net/dipartimenti/comu ... ropaganda/
passa la voglia di leggere cosa scrivi.

nessuno ti obbliga
Inoltre voglio spezzare una lancia a favore di quelli che dicono che l'economia non è una scienza.

certo che non è una scienza
A mio modo di vedere questo significa semplicemente che le previsioni che si fanno con essa sono da prendere con molta cautela. Per esempio il fatto che una certa serie di manovre abbiano funzionato in Argentina (che comunque non è diventata il bengodi) dice poco sul fatto che le stesse misure funzioneranno in un paese con economia, storia e risorse completamente diverse. Magari anche sì ma non è così dimostrabile come vorresti far credere.

se fosse solo l'argentina potresti aver ragione, ma quando vedi che anche in altri paesi funziona (vedi Giappone ad esempio) e che gli agganci valutari non hanno mai realmente funzionato nella storia, due domande una persona intelligente se le pone.
Per quanto riguarda la diversità tra Argentina e Italia ti sbagli di grosso, dal punto di vista dell'applicazione di politiche economiche neo-keynesiane Italia e Argentina sono assolutamente paragonabili (se parlassimo dell'islanda ti darei ragione).
Ripeto: quello che sto dicendo io sull'euro non è una mia idea, ma è sostenuto dai maggiori economisti del mondo; se poi non basta possiamo guardare alla storia che ci conferma quanto detto; i dati del fondo monetario internazionale stanno li e non mentono; i dati ci dicono che la svalutazione in un paese in recessione non porta grossa inflazione (a volte la diminuisce pure), ci dicono che l'attuale crisi non è una crisi del debito pubblico ma della bilancia dei pagamenti, ci dicono che la spesa a deficit rilancia l'economia, ci dicono che in Italia la produttivita è bassa perchè lo è la domanda interna, i dati ci dicono che è una fesseria spingere l'euro per difenderci dalla Cina, ecc..

Ora per l'ennesima volta, volete rispondere con fatti e dati, oppure pretendete davvero di argomentare a chiacchiere come avviene sui media mainstream?
Ultima modifica di masalapianta il lun giu 17, 2013 20:23, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 18:30

Trotto@81 ha scritto:http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/17/ue-salva-solo-se-berlino-lascia-leuro-lidea-del-nobel-stiglitz/624169/
Non dice propriamente di essere a favore dell'euro, ma che basterebbe solo che i tedeschi si levassero dalle scatole per veder migliorare la situazione.
Ti avviso che non l'ho letto con attenzione e non l'ho cercato nemmeno per te, l'ho scovato oggi durante il mio classico giro sui siti di informazione.

a parte che ho gia postato la notizia in questo thread ( viewtopic.php?f=3&t=36461&start=165#p331733 ), ma quello che giustamente la proposta di Stiglitz sottintende è che siccome gli agganci valutari tra paesi con econonomie dissimili non funzionano se non massacrando la popolazione (vedi il gia citato "aree valutarie ottiminali" che è valso a Mundell il nobel e che oggi i pro-euro sembrano bellamente ignorare, nonostante sia la teoria di riferimento per gli agganci valutari), ad oggi, come misura per mitigare la crisi (in attesa di uno smantellamento della moneta unica), bisognerebbe che la germania tornasse al marco.
Non a caso l'articolo dice "Il ripristino di un rapporto di cambio meno artificiale fra Nord e Sud è quindi uno snodo necessario,anche se certo non sufficiente, nel percorso di soluzione della crisi", è quindi ovvio che l'uscita della germania è solo il primo passo per lo smantellamento dell'euro (seguito da svalutazione competitiva).
Si parla inoltre di uscita della germania dall'euro non perchè si vuole preservare l'euro ma perchè oggi sarebbe difficile convincere i governanti dei paesi del sud a tornare alle loro valute pre-euro (l'articolo spiega bene perchè), mentre convincere i governanti tedeschi è più facile e l'articolo lo spiega bene:

Codice: Seleziona tutto
l’equilibrio dell’Eurozona si regge su due menzogne: quella dei politici del Sud (“l’euro vi proteggerà”), e quella dei politici del Nord (“la crisi è colpa dei Pigs”). Che l’euro non ci abbia protetto è chiaro. Lo è anche il fatto che dell’origine e dell’aggravarsi della crisi è corresponsabile l’attuale leadership tedesca. Ma mentre i nostri politici non possono ora venirci a dire che l’euro è stato un errore, ai politici del Nord è più facile scaricare sui paesi del Sud la colpa e propugnare come soluzione l’abbandono dell’euro. Lo sganciamento dall’Eurozona, vissuto al Sud come una sconfitta, al Nord sarebbe visto come il riappropriarsi di un simbolo vincente di identità nazionale (il marco).


quindi, come è ben comprensibile, il problema non è economico nel far uscire la germania piuttosto che l'Italia, ma "politico", da qui la proposta di Stiglitz; ma hanno tutti (a parte i piddini) ben chiaro che la soluzione è un'uscita dall'euro per i paesi in recessione; lo stesso redattore dell'articolo (Bagnai) e coautore del manifesto che propone l'uscita della germania dall'euro, è un forte propugnatore dell'uscita dall'euro da parte dell'Italia.

Ora, articoli a parte, qualcuno di quelli che sostengono la permanenza nella moneta unica si degna di argomentare con i dati ed i fatti i motivi della sua posizione?
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 20:10

e visto che è stato citato Bagnai (Trotto@81 ha postato un suo articolo sul fatto quotidiano in cui si parla del manifesto che ha sottoscritto insieme ad altri economisti, per propugnare l'uscita della germania dalla moneta unica; cosa gia proposta da Stiglitz), vediamo bene cosa dice l'economista in questione in merito all'euro:

http://www.ilmanifesto.it/dossier/la-ro ... ricN/5642/
http://goofynomics.blogspot.fr/2011/12/ ... ciata.html
http://goofynomics.blogspot.fr/2011/12/ ... leuro.html
http://goofynomics.blogspot.fr/2011/12/ ... -e-uk.html
http://goofynomics.blogspot.fr/2011/11/ ... litik.html
e potrei andare avanti mooolto a lungo.
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » lun giu 17, 2013 23:43

Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Re: di crisi e spesa a deficit

Messaggioda masalapianta » mar giu 18, 2013 0:11

Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

PrecedenteProssimo

Torna a Libera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti