Da Ubuntu a slakware.....?

Se avete problemi con l'installazione e la configurazione di Slackware64 postate qui. Non usate questo forum per argomenti che trattano la Slackware32 o generali... per quelli usate rispettivamente il forum Slackware e Gnu/Linux in genere.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Citare sempre la versione di Slackware64 usata, la versione del Kernel e magari anche la versione della libreria coinvolta. Questi dati aiutano le persone che possono rispondere.
2) Per evitare confusione prego inserire in questo forum solo topic che riguardano appunto Slackware64, se l'argomento è Slackware32 o generale usate rispettivamente il forum Slackware o Gnu/Linux in genere.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Teopieri
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 6
Iscritto il: dom gen 05, 2020 15:26
Nome Cognome: Filippo Pieri
Distribuzione: Ubuntu 16.04

Da Ubuntu a slakware.....?

Messaggioda Teopieri » dom gen 05, 2020 17:09

Ciao a tutti,
Brevemente. Sto cercando di capire a cosa vado incontro abbandonando ubuntu per slackware.
A quanto pare la release più recente è la 15...?
Ma a prescindere da questo se nn ho capito male la filosofia slack è quella di compilare.... Se devo infatti scaricare gran parte del software in pacchetti prefatti faccio prima a restare dove sono..
Quindi, se installo slack su un pc nuovo o semitale, comunque recente direi per farci videoscrittura web brawsing con plugins java e Flash, usare client di posta (thunderbird), un minimo di multimedialità (codec dvd dvx mp3 etc....), gestire stampanti wifi. No games no roba ad alte prestazioni 3d quanto devo compilare da me partendo da una installazione full?
Grazie per eventuali suggerimenti.
Filippo P

Avatar utente
Rama
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 344
Iscritto il: sab mar 29, 2008 12:18
Slackware: 14.2 64bit
Kernel: 5.4.1 preemptive
Desktop: KDE 4.14.21
Distribuzione: Debian Stretch
Località: Novara, provincia

Re: Da Ubuntu a slakware.....?

Messaggioda Rama » dom gen 05, 2020 17:53

praticamente zero ;-P
la distro che fa per te è Gentoo, cito da Wikipedia:

La caratteristica principale che distingue Gentoo dalle distribuzioni più diffuse è il fatto di essere cosiddetto source-based, ovvero l'installazione dei programmi avviene mediante la compilazione dei codici sorgenti sul proprio computer piuttosto che per mezzo di pacchetti precompilati.

nat. nulla osta che compili tutti i pacchetti anche nella Slack;

edit:
magari l'ultima versione fosse la 15: la aspettiamo da tre anni;

gian_d
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 163
Iscritto il: mer lug 16, 2014 17:35
Nome Cognome: Giancarlo Dessì
Slackware: 64 current
Kernel: 5.4.xx
Desktop: KDE 4.14.38
Località: Sardinia
Contatta:

Re: Da Ubuntu a slakware.....?

Messaggioda gian_d » dom gen 05, 2020 20:40

Ciao Teopieri, purtroppo capiti in una fase storica un po' difficile perché l'ultima versione stabile, la 14.2 è un po' datata. Tuttavia è sufficiente per l'utilizzo che intendi farne. Trovi gran parte del software che già ti serve, l'unico problema è che l'unica suite office che trovi nella distribuzione è calligra, la suite di KDE. Se vuoi installare LibreOffice devi installarlo attraverso lo slackbuild. Ti spiego cos'è lo slackbuild.
È uno script che esegue in automatico l'intera procedura di compilazione del pacchetto. Al termine ti ritrovi un pacchetto che deve essere installato. Ogni pacchetto ha il suo slackbuild, che è curato da un "mantainer", ovvero un utente slackware che si occupa di seguire gli aggiornamenti del software di terze parti e adattare all'occorrenza lo slackbuild esistente. Il vantaggio di questa soluzione è che tutto il software di terze parti che installi è installabile e rimovibile con il gestore dei pacchetti di Slackware (pkgtool).
Ogni slackbuild comprende in genere almeno quattro file:
1) slack-desc : è un file di testo che contiene le informazioni essenziali visualizzate dal gestore dei pacchetti
2) nomesoftware.SlackBuild : è lo script di compilazione
3) nomesoftware.info : è un file di testo contenente le informazioni necessari per una corretta procedura: software e versione, indirizzo web dello sviluppatore, indirizzo da cui scaricare il sorgente, checksum, indirizzo email del mantainer, dipendenze obbligatorie. Tieni presente che nella slackware non c'è una gestione delle dipendenze, perciò devi assicurarti che queste siano già installate, altrimenti avrai errori in compilazione o in runtime
4) README: è un file di testo contenente la presentazione del software, istruzioni supplementari per una personalizzazione, indicazione di dipendenze opzionali, ecc.
È ovvio che la lettura dei file *.info e README è una condizione necessaria per non incontrare problemi.

Come procedere? C'è un repository ufficiale da cui puoi scaricarti gli slackbuild che ti servono: http://slackbuilds.org . Usa questi slackbuild SOLO per installare pacchetti in una versione stabile (nella fattispecie la 14.2). Il software non è aggiornatissimo ma per il semplice motivo che viene rilasciato solo lo slackbuild di un pacchetto compatibile con la versione stabile. Ti scarichi in una directory i 4 file dello slackbuild e, usando l'indirizzo riportato nella pagina di riferimento, il sorgente da compilare (o in qualche caso i sorgenti). Dopo di che, ti apri un terminale e connesso come utente root procedi in questo modo (dopo aver letto le istruzioni su README):

Codice: Seleziona tutto

# [eventuali opzioni da passare] sh nomesoftware.SlackBuild

Se la compilazione procede regolarmente, alla fine viene creato il pacchetto, nella seguente forma:
/tmp/nomesoftware-versione-architettura-x_SBo.tgz (dove x è il numero progressivo della compilazione, build, già impostato nello slackbuild)

A questo punto, sempre come root, procedi all'installazione:

Codice: Seleziona tutto

# installpkg /tmp/nomesoftware-versione-architettura-x_SBo.tgz

Ti ho messo i nomi completi, tuttavia puoi usare tranquillamente l'asterisco come carattere jolly. Ad esempio, per avviare uno slackbuild, di solito digito "sh ./*ild" e per installare il pacchetto "installpkg /tmp/nomesoftware*tgz". Chiaramente decidi tu come gestirti le procedure, io sono solito fare un archivio degli slackbuild che aggiorno all'occorrenza conservando anche una copia dei pacchetti generati.

Tieni presente che la directory /tmp nel tempo si riempie parecchio perché tutta la compilazione viene mantenuta in una directory /tmp/SBo Se dovessi avere problemi di spazio, prima o poi dovrai procedere a svuotarla manualmente.

Questo è quanto, se qualcosa non ti è chiaro chiedi.

Se come software per il multimediale vuoi usare vlc (Videolan, per intenderci) devi installarlo da slacbuild, ma hai parecchie dipendenze da installare (sempre da slackbuild). Su Slackware trovi comunque a disposizione il player di KDE, MPlayer e Xine. Xine è ottimo perché supporta molti codec, raramente incontri problemi, l'unico difetto (IMHO) è la sua interfaccia grafica, che a me non piace. Gli altri player potrebbero dare problemi con qualche codec.

gian_d
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 163
Iscritto il: mer lug 16, 2014 17:35
Nome Cognome: Giancarlo Dessì
Slackware: 64 current
Kernel: 5.4.xx
Desktop: KDE 4.14.38
Località: Sardinia
Contatta:

Re: Da Ubuntu a slakware.....?

Messaggioda gian_d » dom gen 05, 2020 20:46

Per non fare confusione aggiungo un altro post separato. Se nella slackware vuoi usare software aggiornato allora devi installare la versione current, che sarebbe la versione "unstable", nella fattispecie, attualmente, la 15. Il problema è che trattandosi di una versione unstable devi aggiornare i pacchetti con una congrua frequenza. Tuttavia te lo sconsiglio almeno finché non avrai maggiore dimestichezza con la slackware, altrimenti ti ritroverai in breve tempo un sistema incasinato.

Avatar utente
ponce
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2686
Iscritto il: mer mar 05, 2008 16:45
Nome Cognome: Matteo Bernardini
Slackware: slackware64-current
Kernel: 5.4.10-ck1
Desktop: lxde
Località: Pisa
Contatta:

Re: Da Ubuntu a slakware.....?

Messaggioda ponce » dom gen 05, 2020 20:57

solo per precisare che nel caso specifico di libreoffice e vlc puoi, in alternativa a farti i pacchetti da solo (che per questi due software specifici e' un procedimento abbastanza ostico e pesante, almeno per iniziare), scaricare anche quelli gia' pronti dal repository di Alien Bob (scegli quelli per la versione di Slackware e l'architettura che hai installato)

http://bear.alienbase.nl/mirrors/people ... breoffice/
http://bear.alienbase.nl/mirrors/people ... uilds/vlc/

se deciderai di optare per questa strada, e comunque in ogni caso, occhio alle dipendenze: su Slackware le dipendenze non sono risolte automaticamente ma e' compito di chi amministra la macchina.

gian_d
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 163
Iscritto il: mer lug 16, 2014 17:35
Nome Cognome: Giancarlo Dessì
Slackware: 64 current
Kernel: 5.4.xx
Desktop: KDE 4.14.38
Località: Sardinia
Contatta:

Re: Da Ubuntu a slakware.....?

Messaggioda gian_d » dom gen 05, 2020 21:25

Grazie, ponce, dovevo indicare anche i pacchetti precompilati ma non ero sicuro su quali repository consigliare