Debian & systemd: s'ha da fare?

Postate qui per tutte le discussioni legate a Linux in generale.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Citare sempre la versione di Slackware usata, la versione del Kernel e magari anche la versione della libreria coinvolta. Questi dati aiutano le persone che possono rispondere.
2) Per evitare confusione prego inserire in questo forum solo topic che riguardano appunto Gnu/Linux in genere, se l'argomento è specifico alla Slackware usate uno dei forum Slackware o Slackware64.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
ilmich
Master
Master
Messaggi: 1565
Iscritto il: lun 16 lug 2007, 17:39
Slackware: 14.2 64bit
Kernel: 4.19.46
Desktop: dwm
Località: Roma

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da ilmich »

ok.. diciamo che arrivati a sto punto appena ho un po' di tempo sfrutto il lavoro fatto da un tizio su linuxquestion per provare una slackware con systemd e vediamo che succede.
comunque per par condicio leggero anche questo
ho visto cose che voi astemi non potete immaginare
https://github.com/ilmich

rik70
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2228
Iscritto il: gio 10 mar 2011, 9:21
Slackware: 64-current
Kernel: 5.4.x
Desktop: Xfce 4.14
Distribuzione: Arch Linux

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da rik70 »

Ma perché si continuano a mettere in giro voci che è difficile da gestire?

Difficile rispetto a cosa? Upstart è molto più complicato.

Io con arch e systemd c'ho bazzicato per circa un anno - ovvero, finché ho avuto tempo e voglia di stare dietro ad archlinux: è stato sufficiente leggermi un wiki e qualche pagina del man per gestire il tutto senza problemi.
Ero riuscito a farmi pure un target, o runlevel, identico allo init 5 di slackware, per lanciare una sessione xbmc standalone.

Stessa cosa su arm: i log di systemd m'erano venuti in soccorso per una regola upower da asegnare al raspberry.

Le uniche critiche sensate, secondo me, riguardano l'invasività: fa troppe cose, ma alcune sono anche delle chicche. Come netctl per configurare le connessioni cablate e wirless in un paio di secondi e in modo robusto.
O il sistema di login, che rende quasi superflua l'assegnazione degli utenti ai gruppi per accedere alle periferiche audio, video, dispotivi di memorizzazione esterni, etc.

Poi si può anche impostare per utilizzarlo in modo compaatibile coi vecchi sistemi di avvio.

Insomma: secondo me, ribasisco, il problema è più per gli amministratori di sistema, che avranno un bel da fare. Ma son problemacci loro. D'altronde sono pure pagati per fare quel mestiere, o no?

Avatar utente
navajo
Staff
Staff
Messaggi: 3884
Iscritto il: gio 8 gen 2004, 0:00
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)
Località: Roma

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da navajo »

Io penso che un eventuale fork Debian sia deleterio per tutta la comunità gnu e non solo per loro.
Quello che mi da fastidio è che RED HAT a spinge per systemD, e siccome è anche la maggior sostenitrice di Gnome, ha fatto in modo che Gnome mettesse fra le sue dipendenze systemD, ( lo richiede gdm).
E di solito, quando una multinazionale spinge per qualcosa, ha dietro degli obbiettivi. Speriamo che siano buoni anche per tutti.
Mi dispiace che un epserto e conoscitore del mondo Debian, come malasalapianta non ci segua più. Mi sarebbe piaciuto confrontarmi anche con lui.

Avatar utente
brg
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 527
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 15.0
Kernel: 5.10.16
Desktop: KDE5
Località: Montecatini
Contatta:

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da brg »

La vicenda sta lasciando strascichi velenosi: Joey Hess, mantenitore del Debian installer, debhelper, alien ecc., e Colin Watson, membro della commissione tecnica di Debian, rassegnano le dimissioni dalle loro posizioni. Le ragioni sono apparentemente le decisioni di Ian Jackson di ricorrere di continuo al voto per scavalcare le decisioni delle squadre tecniche di Debian, in particolare in merito all'adozione di systemd, cosa che può mettere a rischio di forti ritardi i tempi di sviluppo e rilascio delle versioni stabili di Debian. In pratica sono stufi che problemi "politici" intralcino il lavoro tecnico e lo sviluppo del software. Tempi bui per Debian.

Avatar utente
lablinux
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1159
Iscritto il: gio 27 nov 2008, 12:23
Desktop: Gnome
Distribuzione: Debian testing
Località: Rho

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da lablinux »

A quanto ho capito, sembra che stiano rivotando.
E' un momento critico per Debian.

hashbang
Packager
Packager
Messaggi: 2001
Iscritto il: ven 4 giu 2010, 10:27

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da hashbang »

navajo ha scritto:Quello che mi da fastidio è che RED HAT a spinge per systemD, e siccome è anche la maggior sostenitrice di Gnome, ha fatto in modo che Gnome mettesse fra le sue dipendenze systemD, ( lo richiede gdm).
Il problema è che serviva un rimpiazzo per consolekit, e systemd ce l'ha: logind.
La questione non è tanto la politica di RH, quanto il fatto che systemd è un pezzo di software completamente monolitico, sebbene a Poettering piaccia prendere in giro la gente dicendo che è modulare perché ha tanti binari differenti.
Come se il numero di binari fosse direttamente proporziale al livello di modularità di un software.
Di conseguenza, l'adozione di logind comporta l'uso forzato di systemd, in quanto il primo richiede obbligatoriamente che il secondo sia in PID 1, con tutte le conseguenze del caso. Ovvero, l'adozione di journald e dei suoi "fantastici" log binari.

Il problema serio semmai è quanto ancora udev sarà indipendente in termini di interfacce da systemd.
Di logind e GNOME sinceramente frega poco. Le alternative ci sono, e considerando la piega che ha preso GNOME Shell non mi dispiace nemmeno andare a cercare altro.

Avatar utente
navajo
Staff
Staff
Messaggi: 3884
Iscritto il: gio 8 gen 2004, 0:00
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)
Località: Roma

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da navajo »

beh.. su questo lato...
:) neanche a me dispiace.. :)

Avatar utente
brg
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 527
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 15.0
Kernel: 5.10.16
Desktop: KDE5
Località: Montecatini
Contatta:

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da brg »

hashbang ha scritto: La questione non è tanto la politica di RH, quanto il fatto che systemd è un pezzo di software completamente monolitico, sebbene a Poettering piaccia prendere in giro la gente dicendo che è modulare perché ha tanti binari differenti.
La modularità non esclude la monolicità: il kernel Linux è modulare e monolitico, X.org è modulare e monolitico. Essere modulare significa che modificare i singoli moduli non ha ripercussioni, entro i limiti del possibile, sugli altri, che il funzionamento dei singoli moduli non incide su quello degli altri ecc. Nel caso in questione c'è systemd e ci sono i moduli: i moduli dipendono tutti da systemd, ma sono più meno indipendenti tra loro, così come lo sono i moduli del kernel Linux.

rik70
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2228
Iscritto il: gio 10 mar 2011, 9:21
Slackware: 64-current
Kernel: 5.4.x
Desktop: Xfce 4.14
Distribuzione: Arch Linux

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da rik70 »

Tra l'altro il journal può essere spedito a syslogd, oltre che al buffer log del kernel. Quindi non necessariamente va usato il log binario di journald.

Scusate le eventuali imprecisioni "semantiche", ma secondo me stanno facendo un casino più grande di quello che la questione merita.
Ad ogni modo, qualunque sia la decisione, io di debian mi fido.

Avatar utente
brg
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 527
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 15.0
Kernel: 5.10.16
Desktop: KDE5
Località: Montecatini
Contatta:

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da brg »

Dopo Colin Watson anche Russ Albery rassegna le dimissioni da membro della Commissione Tecnica di Debian. Anche Tollef Fog Heen, uno dei manutentori del pacchetto di SystemD, rassegna le dimissioni dal suo ruolo tecnico.

Avatar utente
navajo
Staff
Staff
Messaggi: 3884
Iscritto il: gio 8 gen 2004, 0:00
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)
Località: Roma

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da navajo »

ahia.
quale futuro??
ci sono figure alla loro altezza per sostiturli ?

Avatar utente
brg
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 527
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 15.0
Kernel: 5.10.16
Desktop: KDE5
Località: Montecatini
Contatta:

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da brg »

Il dramma è arrivato alla sua fase conclusiva, la risoluzione presa dal voto è stata: "la General Resolution non è necessaria", cioè non si procederà a rivedere la politica decisa in precedenza di adottare SystemD. Ian Jackson ha rassegnato le sue dimissioni dalla commissione tecnica. Ora bisognerà vedere se ci saranno altri strascichi o se il tutto finisce qui.

Avatar utente
ScorpionIT
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 62
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 13:32
Nome Cognome: Elia Devito
Slackware: 14.1
Kernel: 3.10.17
Desktop: KDE 4.13.3

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da ScorpionIT »

brg ha scritto:Il dramma è arrivato alla sua fase conclusiva, la risoluzione presa dal voto è stata: "la General Resolution non è necessaria", cioè non si procederà a rivedere la politica decisa in precedenza di adottare SystemD. Ian Jackson ha rassegnato le sue dimissioni dalla commissione tecnica. Ora bisognerà vedere se ci saranno altri strascichi o se il tutto finisce qui.
ci saranno https://devuan.org/

rik70
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2228
Iscritto il: gio 10 mar 2011, 9:21
Slackware: 64-current
Kernel: 5.4.x
Desktop: Xfce 4.14
Distribuzione: Arch Linux

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da rik70 »

Vabbe, l'ennesima derivata di Debian. Il massimo che da questa vicenda - per certi versi pure ridicola, a partire dal nome - poteva scaturire.

lordalbert
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 72
Iscritto il: ven 29 lug 2005, 0:00

Re: Debian & systemd: s'ha da fare?

Messaggio da lordalbert »

In realtà sistemi di init alternativi esistono: Ad esempio io uso senza problemi e con soddisfazione OpenRC.

Rispondi