Pagina 1 di 1

Faccio il grande passo?

Inviato: lun 20 gen 2020, 13:28
da Black bart
Sono arrivato alla conclusione che è giunto il momento di prendere una decisione riguardo al fatto di utilizzare o meno una distro Linux.
Per spiegarmi meglio,uso con soddisfazione slackware in versione current,non ho mai avuto problemi,funziona tutto bene per quello che ci faccio,la uso anche per lavoro per fare qualche foglio contabile.
Vorrei passare completamente a Linux,slackware in particolare perché mi ci trovo bene,quindi sul portatile vorrei eliminare la partizione di win10 per aumentare lo spazio per slackware.
Secondo voi meglio aspettare o è possibile utilizzare solo ed esclusivamente slackware?
La domanda nasce dal fatto che non sono uno smanettone,mi piace capire e conoscere a fondo una distribuzione ma a volte mi sembra difficile...forse mi applico poco e non voglio "sporcare" la distro,quindi purtroppo mi limito all'utilizzo di pacchetti già pronti e capisco che NON è la filosofia giusta di affrontare slackware ma forse anche linux in generale...

Grazie

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: lun 20 gen 2020, 18:45
da joe
Io sull'attuale cassone uso solo slackware, ho il dual boot perchè da poco sto piano piano cercando di passare a slackware current e sto utilizzando la partizione di slackware 14.2 come "trampolino" ed eventuale "salvagente" in caso mi trovassi nelle canne con la current.
Windows non mi serve. Ma quello devi saperlo tu...
Io tengo un sistema XP virtualizzato che utilizzo molto di rado con Qemu. In pratica è un file che dato in pasto a quemu avvia XP in una finestra di slackware. Se proprio mi serve far girare qualche gestionale che vuole XP ho quella possibilità. Ovviamente le prestazioni della macchina virtuale sono ben più ridotte rispetto ad un'installazione classica, dipende sempre dai programmi che ci devi far girare, potrebbe essere necessario anche win10 virtualizzato. Ma molto dipende ta quanta ram hai, da che CPU hai ecc ecc (anche il disco SSD è ormai quasi d'obbligo).

Aneddoto: "voglio un sistema win per far girare office..."
Anni fa avevo avuto a che fare con una bellissima serie di dati da elaborare, e in prima battuta alcuni collaboratori avevano impostato la grafica finale via excell... A me già l'impostazione mi aveva insospettito non poco.
E con ragione! Alla fine era stato un bagno di sangue: per modificare una virgola al grafico si stava ad aspettare mezzo minuto che excell riaggiornasse tutti i dati! Mai più... mai più...
Alla fine era saltato fuori che la lentezza che dapprima avevo imputato al mio vecchio carrozzone ulteriormente rallentato dall'XP virtualizzato, invece non era dovuta alla macchina virtuale né a scarse risorse hardware (per fare la prova del nove avevano fatto girare quei beati grafici su un PC super cazzuto, ma excell arrancava anche su quello). L'inghippo stava proprio nel sitema di funzionamento di excell che riaggiorna il grafico ad ogni minima modifica e col malloppo di dati che avevano stipato lì dentro andava a rallentatore. Alla fine, quando ci avevano praticamente rinunciato, proposi di lasciar perdere excell e ripensare l'elaborazione dati che in partenza erano disponibili anche in formato CSV quindi testo... Per cui un po' di grep cut paste sed e roba simile, fino a richiamare il "motore" un eseguibile in fortran che faceva dei conti ed infine il tutto graficato con gnuplot. La cosa bella era che gli "script" gnuplot erano hardcoded in uno script bash che gestiva tutta la trafila. Impiegava circa 1minuto a creare tutti i grafici finali in un sol botto e si poteva variare qualcosa tipo scala logaritmica cambiando due comandi in gnuplot e si riottenevano tutti i grafici...
Questo per dire, non sempre quello che sembra necessario inizialmente, si rivela davvero tale alla fine... anzi nel caso riportato era stata una vera palla al piede


Io direi che se ti trovi bene con slackware current, vai tranquillo. Se mai metti il modello di portatile e caratteristiche (CPU, RAM, disco)... Ma probabilmente se è piuttosto recente reggerà senza problemi anche win virtualizzato.

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: lun 20 gen 2020, 18:51
da ponce
anche cambiare disco con uno piu' capiente potrebbe essere un'alternativa da considerare (la butto li')...

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: lun 20 gen 2020, 21:47
da Black bart
In effetti non ho scritto diverse cose...
Un paio di settimane fa si è rotto l’hd del portatile su cui avevo in dual boot win10 e slackware current,per fortuna avevo il backup dei miei dati...
Ho smontato il portatile un dell con processore Intel i3 ed ho sostituito l’hd con un sd da 1 tb e già che c’ero ho aggiunto 4gb di ram,quindi ora ho un i3 quad core con sd da 1 tb e 8 gb di ram nulla di che ma per quello che devo fare io basta e avanza.
In tutta sincerità Window 10 era lì solo per i file raw di fujifilm da lavorare con capture one.
Ora la mia idea è di utilizzare il portatile solo con slackware cercando di imparare ad utilizzarla in modo più avanzato di come faccio ora.tanto per capture one abbiamo a casa ,per necessità scolastiche dei miei ragazzi un imac che oltretutto ha uno schermo senza paragoni rispetto al portatile,quindi per la fotografia è anche meglio.

Grazie ancora dei consigli

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: lun 20 gen 2020, 22:47
da ponce
sul portatile col disco da 1tb ho due partizioni da 60Gb per la root della current, cosi' se voglio reinstallarla da zero lo faccio su una delle due, tenendo l'altra come backup: in questo modo 60Gb non sono utilizzati quasi mai ma e' male di poco.
windows l'ho lasciato in una sua partizione da 200gb perche' se poi, per qualche ragione qualunque, mi ritrovassi a doverlo usare (e ogni tanto, mio malgrado, succede: un esempio per tutti i tool per flashare i vari device android), voglio che sia possibile farlo nel modo piu' tranquillo e indolore.
il resto e' tutto per la partizione con /home.

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: mar 21 gen 2020, 11:37
da miklos
ponce ha scritto:(e ogni tanto, mio malgrado, succede: un esempio per tutti i tool per flashare i vari device android)
scusate l'offtopic ma sono uno di quelli che ha windows solo se il computer non è personale (per lavoro sviluppo un app che gira su windows) e mi incuriosisce quest'affermazione piu' che altro perchè a me non è mai capitato di trovare un device che fosse flashabile solo da windows.. al massimo il contrario. Se posso chiedere di quali device stiamo parlando?!

tornando intopic se il tuo obiettivo è diventare un utente slackware avanzato, l'unico modo è fare a meno di altri sistemi. so che può sembrare drastica come affermazione però se sai di avere la scialuppa di salvataggio non proverai a risolvere i problemi in altro modo e occuperai un sacco di spazio prezioso sull'hard disk :)

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: mar 21 gen 2020, 11:46
da ponce
miklos ha scritto:
ponce ha scritto:(e ogni tanto, mio malgrado, succede: un esempio per tutti i tool per flashare i vari device android)
scusate l'offtopic ma sono uno di quelli che ha windows solo se il computer non è personale (per lavoro sviluppo un app che gira su windows) e mi incuriosisce quest'affermazione piu' che altro perchè a me non è mai capitato di trovare un device che fosse flashabile solo da windows.. al massimo il contrario. Se posso chiedere di quali device stiamo parlando?!
http://www.arctablet.com/blog/forum/rk3 ... -20170409/

https://theminixforum.com/index.php?thr ... ware.2107/

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: mar 21 gen 2020, 14:28
da miklos
lungi da me farti cambiare le abitudini :) ma entrambi i device hanno dei tools open per questo tipo di attività che potresti provare.
In particolare il primo è un device con soc rockchip che dovrebbe essere piu' o meno flashabile con questi

https://github.com/rockchip-linux/rkbin

il secondo è un device con soc amlogic s912 che anche lui dovrebbe essere flashabile con questi

https://github.com/Stane1983/aml-linux-usb-burn

Non sono tools punta e clicca come quelli per windows.. pero' è anche vero che tu sei ponce ;)

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: mar 21 gen 2020, 14:35
da ponce
non conoscevo i tool specifici, prima o poi li provero': flashare questi device e' un'operazione che faccio molto saltuariamente...

comunque il problema si presenta se poi non funzionano e/o mi brickano i device, in questo caso mi fa' molto piacere avere qualcuno di preciso da mandare a quel paese: e' fondamentalmente per questa ragione che seguo le procedure di aggiornamento alla lettera ;-)

Re: Faccio il grande passo?

Inviato: mar 21 gen 2020, 19:47
da Black bart
miklos ha scritto:tornando intopic se il tuo obiettivo è diventare un utente slackware avanzato, l'unico modo è fare a meno di altri sistemi. so che può sembrare drastica come affermazione però se sai di avere la scialuppa di salvataggio non proverai a risolvere i problemi in altro modo e occuperai un sacco di spazio prezioso sull'hard disk :)
Capisco,ma purtroppo non ci sono programmi open sources che mi abbiano soddisfatto nel post-produrre i file raw di fujifilm,notoriamente ostici causa o pregio del sensore x-trans...si è quindi "obbligati" ad utilizzare programmi proprietari come capture one disponibile solo per win o mac...
Ho destinato 300 GB per win10,non credo che mi cambi la vita ed almeno ho la possibilità di post-produrre a dovere i miei file.