la strada del sistemista linux/unix

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
ilmich
Master
Master
Messaggi: 1548
Iscritto il: lun 16 lug 2007, 17:39
Slackware: 14.2 64bit
Kernel: 4.19.46
Desktop: dwm
Località: Roma

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da ilmich »

prima esperieza 1600euro?!?!?!?!?!!??!?
saranno forse cambiati i tempi ma quando ho iniziato io a fare il programmatore(ma conosco anche colleghi sistemisti)... nn ti davano manco 1000 euro :)
ho visto cose che voi astemi non potete immaginare
https://github.com/ilmich

Avatar utente
krisis
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1120
Iscritto il: mar 25 gen 2005, 0:00
Distribuzione: debian
Località: Roma

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da krisis »

Meskalamdug ha scritto:Come prima esperienza vi accontentereste di 1600€ netti?
Come primissima esperienza mi sono accontentato della metà di quella cifra con un contratto a progetto.
Per uno con un minimo di esperienza 1600 sono il minimo per un contratto a progetto , per meno è un furto dato che all'azienda costa di meno che pagare 1300 netti ad un tempo inderterminato.

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da Meskalamdug »

Riprendo questo 3d dopo anni, è ancora attuale.
Una curiosità, qualcuno di voi ha mai avuto esperienze dirette con lavori da frontaliere (sempre in ambito amministrazione Linux/Unix) in Svizzera?
Cambia qualcosa rispetto alla realtà italiana oppure tutto il mondo è paese?

Twenty-Seven
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 99
Iscritto il: dom 27 gen 2013, 14:59
Slackware: 14.2
Kernel: 4.14.29
Desktop: Xfce

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da Twenty-Seven »

Ciao, per quanto riguarda la Svizzera non ho avuto esperienze di lavoro dirette, pero' abitandoci vicino ho diversi amici e conoscenti che fanno i frontalieri. A livello retributivo ovviamente ne vale la pena (anche se il divario di stipendio si e' abbassato rispetto al passato), per il resto tutto il modo e' paese, hanno solo piu' mezzi. Tra l' altro se non vivi in un comune frontaliero dal punto di vista fiscale non ne vale cosi' tanto la pena (ma qui non mi pronuncio oltre perche' ne so davvero poco). Per esperienze dirette invece, posso dire che in Svizzera non e' che siano tanto amici dell' open source, sembra quasi che abbiano la fobia che vadano a "guardargli sotto al cofano".

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da Meskalamdug »

Twenty-Seven ha scritto:
mer 20 mag 2020, 9:04
Ciao, per quanto riguarda la Svizzera non ho avuto esperienze di lavoro dirette, pero' abitandoci vicino ho diversi amici e conoscenti che fanno i frontalieri. A livello retributivo ovviamente ne vale la pena (anche se il divario di stipendio si e' abbassato rispetto al passato), per il resto tutto il modo e' paese, hanno solo piu' mezzi. Tra l' altro se non vivi in un comune frontaliero dal punto di vista fiscale non ne vale cosi' tanto la pena (ma qui non mi pronuncio oltre perche' ne so davvero poco). Per esperienze dirette invece, posso dire che in Svizzera non e' che siano tanto amici dell' open source, sembra quasi che abbiano la fobia che vadano a "guardargli sotto al cofano".
Grazie per le info. Io ho visto che negli annunci cercano sistemisti sia Linux che Unix. Nei prossimi mesi forse ci farò un pensiero.

Avatar utente
Toni
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 999
Iscritto il: lun 30 gen 2006, 22:08
Slackware: slackware-14
Kernel: 3.10.5
Desktop: i3
Località: milano

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da Toni »

Ciao,

ho riletto un pò questo vecchio thread mi sorgono alcune domande (sono passati quasi 9 anni):
  • L'utente doom cosa avrà scelto per la sua vita lavorativa?
  • Immagino le vostre idee/punti di vista siano cambiati (in meglio o in peggio)
  • Vi è chiaro che a meno che non siate imprenditori, fare il dipendente (o partita iva mascherata da dipendente) è per definizione frustante?
  • Lavorate sempre nello stesso campo oppure avete cambiato?

Twenty-Seven
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 99
Iscritto il: dom 27 gen 2013, 14:59
Slackware: 14.2
Kernel: 4.14.29
Desktop: Xfce

Re: la strada del sistemista linux/unix

Messaggio da Twenty-Seven »

Anch'io sono curioso di sapere cosa ha scelto doom...
Per quanto mi riguarda io faccio il dipendente e non mi sento per nulla frustrato... ho iniziato a fare il sistemista linux a 40 anni, proprio grazie alla slackware, è un lavoro che ho cercato e non tornerei mai indietro

Rispondi